mercoledì 27 agosto 2014

Camp Cirrus' new collection [e ritorno alla dura realtà]

Eccomi tornata dalle vacanze, fisicamente e soprattutto mentalmente, dal momento che le ferie vere e proprio sono terminate ancora il 7 Agosto.
Presto vi rifilerò anche un post dedicato al mio mini-tour del Belgio con molte foto low-fi e "consigli per gli acquisti" ;)
Sono successe molte cose durante il mese di Agosto: i lavori di ristrutturazione del mio appartamento sono giunti al termine (FESTAAAAAA) e ho in mente alcune modifiche da apportare al blog. Sento che questo periodo sarà denso di cambiamenti, come se avessi l'urgenza di evolvermi professionalmente attraverso la mia presenza sul web.
Quindi preparatevi ad una ristrutturazione completa della tazzina (no, non mi è bastato vivere otto mesi tra i calcinacci dell'appartamento...) e alle mie conseguenti crisi di nervi :)

Detto questo, dovete sapere che in Agosto è successa un'altra bella cosa: la nuova collezione di Camp Cirrus ha visto la luce ed io non vedevo l'ora di mostrarvela.
Credo che questi pattern grafici e questi colori siano molto attuali e totalmente nelle mie corde...  L'intera collezione è tazzina-approved! ;)


Mi piacciono particolarmente il tris di cuscini in black&white e i tre vassoi nelle diverse forme e misure. Col bianco e nero non si sbaglia mai, giusto? :)






Ma ecco il pezzo che preferisco che, come il dessert, ho deciso di tenere per ultimo: il cestino porta pane (o porta frutta come nella foto) a pois... La variante in blu mi piace particolarmente :)


Fotografie by Lisa Wikstrand
Psssssst, potete acquistare i prodotti già da subito sul sito Shop Moln ;)

giovedì 31 luglio 2014

Belgium, here we come!

Un po' di giorni di pausa per la tazzina!
Sabato si parte per un mini-tour del Belgio, sperando di avere tempo per visitare 3 o 4 città (Bruxelles, Ghent, Bruges, Anversa). :)
Nel caso aveste qualche negozietto o mercatino da consigliare fatevi pure avanti... Sarebbe di grande aiuto :)






(via Arch Daily)


Non vedo l'ora!! 

lunedì 28 luglio 2014

Industriale al femminile

Lo stile industriale viene spesso associato a personalità dallo spiccato cromosoma XY, veri scapoli affezionati alla "vita da loft", ma questo non significa che non possa essere declinato al femminile con l'aggiunta di piccoli tocchi romantici (magari francesi)! Non a caso la Tour Eiffel, indiscusso simbolo dell'età industriale, è a guardia della città più romantica del mondo ;)
Ed è proprio la Tour Eiffel ad aver ispirato Heidi Kristensen - ricercatrice di tesori vintage ai mercatini delle pulci - a ricreare l'atmosfera industrial chic nel suo appartamento a Copenaghen.


Adoro la particolarità dei muri raschiati e "rovinati" in contrasto con gli inffissi, candidi e perfetti! Questo sì che è un vero tocco di classe ;)



Sulla libreria troneggiano stampe raffiguranti la famosa Tour Eiffel e le sedie in metallo sembrano essere lì per richiamare la sua forma. L'H di Heidi è semplicemente bellissima.


L'armadietto da palestra è un must-have degli amanti dello stile industriale. Quello di Heidi viene proprio da uno spogliatoio francese, ma voi potete trovarne di simili a Maisons du Monde.


La cucina acquista carattere se al posto dei pensili scegliamo delle cassette della frutta...Riescono a scaldare l'atmosfera persino in una cucina grigia, rendendola accogliente ed eclettica :)

Foto via Alt for damerne

mercoledì 16 luglio 2014

Dossier balcone: come rendere accogliente uno spazio microscopico

L'altro giorno mi ha scritto su facebook una ragazza per chiedermi aiuto nella decorazione del suo mini balcone. Credo che questo sia un problema comune a molte persone dal momento che i prezzi sono quelli che sono ed ogni centimetro quadro diventa uno spazio preziosissimo, per questo motivo ho scelto di dedicare un post a questo argomento. 

I micr- balconi si dividono in due categorie:
  1. quelli in cui non ci sarà mai spazio per godersi una cenetta con la famiglia o non ci si potrà mai mettere a prendere il sole con una sdraio;
  2. ...e quelli in cui si può stare solo in posizione eretta da homo sapiens. In pratica dove non ci starebbe nemmeno una pianta grassa
Per entrambi i casi ci sono delle soluzioni decorative che renderanno questo piccolo spazio outdoor una vera oasi. Non dimentichiamo che il balcone è da considerare un'estensione della superficie dell'appartamento piuttosto che uno spazio esterno vero e proprio come può esserlo una terrazza, di conseguenza avrà molta importanza la scelta stilistica del decor perchè impatterà molto sugli interni.

(Ikea)

Giocare con i rivestimenti

Ci sono alcune regole fondamentali per rendere qualsiasi spazio esterno un ambiente intimo e personale: i rivestimenti. Scegliamo di decorare il nostro balcone con rivestimenti provvisori, facilmente sostituibili: per il pavimento mi piacciono molto le pedane in legno (all'Ikea se ne trovano di molti tipi), ma se la superficie è proprio micro può bastare una stuoia, un tappeto di plastica per esterni (quelli colorati che vanno di moda adesso per intenderci), o perchè no, un tappetino di erba sintetica.
Adoro le stuoie in bamboo anche in verticale, lungo tutto il perimetro della ringhiera: assicurano privacy e ti fanno sentire in vacanza solo a guardarle.

(via Ikea)



(via Trendszine)



Scegliere una sola funzione

Concluso il discorso dei rivestimenti, dobbiamo prima decidere quale funzione vogliamo che abbia il nostro micro-balcone. Vogliamo che sia un'oasi di relax dove leggere e rilassarsi o preferiamo attrezzarlo per le nostre cenette all'aperto? Nel primo caso, ricordiamoci che con un paio di pouf si va dappertutto: è il passepartout di ogni spazio, la seduta jolly per eccellenza.
Ecco come il nostro balconcino potrebbe trasformarsi in un salotto all'aperto grazie all'aiuto di qualche pouf e un paio di cuscini:



(via Mojbalkon)


Se il balcone è stretto e rettangolare, possiamo sfruttare le due estremità per creare dei divanetti: in fin dei conti bastano delle panche (magari contenitive) e dei cuscini:

(dall'alto a sx in senso orario: 1, 2, 3, 4)

Per quanto riguarda la funzione pranzo, anche per i balconi più piccoli, una soluzione c'è: il set di tavolo + due sedie da bistrot.
Le sedie in questione hanno ben due pregi:

  1. occupano pochissimo spazio;
  2. ti fanno sentire a Parigi.

E un difetto:
  1. sono scomode...
...Ma le foto qui in basso vi faranno dimenticare quest'unico difetto ;)

(via Lovely C.)

(dall'alto in senso orario: 1, 2, 3)

Un'altra soluzione che mi piace molto per la zona pranzo outdoor è il tavolo ribaltabile...Forse lo prenderò in considerazione per il mio terrazzino ;)

(via CAR moebel)

Inutile parlare della funzione delle piante: rendono migliore qualsiasi spazio e donano subito quell'atmosfera "da casa". Nel caso il balconcino fosse troppo piccolo per tutte le soluzioni sopracitate, vi basterà un po' di verde per renderlo bellissimo... :)
Questa soluzione in particolare mi ha fatto innamorare:


Spero di essere stata utile a qualcuno, soprattutto a Michela che mi ha dato un bellissimo spunto chiedendomi questo piccolo aiuto ;)

mercoledì 9 luglio 2014

Ikea Blogger Tour #4: Copenaghen

Siamo arrivati al quarto e ultimo episodio del resoconto del blogger tour, questa volta vissuto nella meravigliosa capitale danese e dedicato all'architettura! :)
Essendo un Paese con una certa sensibilità nei confronti del design e dell'estetica, la Danimarca ha dimostrato di saper integrare perfettamente le nuove architetture al paesaggio circostante e, ancor più sorprendentemente, a farle convivere con quelle storiche.
Questo tema lo trovo di fondamentale importanza non solo per quanto riguarda l'urbanistica, ma anche per l'arredamento d'interni: contestualizzare un nuovo progetto con l'ambiente circostante e creare armonia tra elementi storici ed attuali dovrebbe essere la missione comune di architetti e designer.
Cominciamo con la carrellata di fotografie :)

The blue planet: l'acquario

Perfettamente inserito nella cornice "marina", quest'enorme struttura dalle forme arrotondate riflette cielo e acqua... Scomparendo totalmente tra i riflessi della luce. Capolavoro.



Maritime Youth Center

Un bagno pubblico dove i danesi si rilassano, si tuffano, si "abbronzano"... La struttura in legno rende il tutto semplicemente perfetto.




Holmbladsgade Meeting Place

...E relativa biblioteca, dove le sedie hanno lo schienale a forma di libro aperto. Geniale! Il vero e proprio Meeting Place è un cubo di vetro in mezzo ad altri edifici storici, caratterizzati dalla facciata in mattoni, e sembra sia lì da sempre.




Tietgen Kollegiet 

Una residenza studentesca che sembra una struttura di lego: tanti cubetti posti l'uno sopra l'altro, alcuni sporgono, altri rientrano, dotati di grandissime finestre. Sembra che l'architettura stessa voglia invitare alla socializzazione tra gli studenti :)




Harbour Bath

Altri bagni, ma questa volta in pieno centro città! La struttura che vedete nella prima foto sembra la prua di una nave, è da lì che i ragazzi stanno per tuffarsi... Faceva molto caldo quel giorno, ammetto di averli invidiati parecchio :)




Torvehallerne

Si tratta di un mercato coperto, qui abbiamo pranzato e girovagato tra banchetti, vere e proprie boutique del food dove ogni cosa ha un bellissimo aspetto :)



Castello di Rosenborg

Dalle foto sembrerebbe una dimora diroccata nella campagna danese, ma questo castello rinascimentale è collocato proprio nel centro della città. Immerso in una cornice verdissima, questo posto è perfetto per rilassarsi sdraiati sull'erba all'ombra di un albero. Ed è esattamente ciò che ho fatto io :)

Palazzo reale di Amalienborg + Opera House


In poche parole, dove alloggiano i Reali danesi. Quell'enorme cupola che si scorge sullo sfondo è la Marble Church. Classicissima, vero? Solo che poi ti volti di 180 gradi e ciò che vedi è...


...L'Opera House. Perfettamente allineata con la Marble Church ed il Palazzo Reale, per fare in modo che il pubblico dell'opera li veda all'uscita, subito dopo lo spettacolo. Un altro magnifico esempio di contrasti architettonici.

E così abbiamo concluso i quattro episodi dedicati al Blogger Tour! :) 
Ne approfitto per ringraziare il Team di Ikea Italia per aver regalato a me e alle altre blogger, la possibilità di visitare questi magnifici posti e per averci coccolato dal primo all'ultimo giorno :)